PIAZZA SANT’ANTONIO (PALAZZO LANTIERI, PALAZZO STRASSOLDO)

L’ampia piazza è delimitata da un colonnato, che un tempo apparteneva al chiostro di un convento fondato nel XIII° secolo – come vuole la leggenda – da Sant'Antonio da Padova. Sulla piazza si affacciano due fra i più interessanti palazzi della città, il Palazzo dei Baroni Lantieri e il Palazzo dei Conti di Strassoldo.

ll Palazzo dei Baroni Lantieri, una delle più prestigiose dimore signorili goriziane, è composto da una serie di edifici costruiti a partire dal Medio Evo. La parte più antica è la torre duecentesca con ponte levatoio, appartenente alla cerchia di mura di Gorizia, che fu successivamente incorporata nella Schönhaus ("La casa bella"), dimora dei Conti di Gorizia.

Il Palazzo dei Conti Strassoldo, che ora ospita un prestigioso albergo, delimita il lato più lungo della piazza, di fronte al porticato, e deve il suo aspetto attuale ad un rimaneggiamento tardo cinquecentesco. Nel 1836 vi dimorò il Duca di Angoulême (riconosciuto dai monarchici francesi come re Luigi XIX), le cui spoglie sono sepolte nella cripta del Convento di Castagnavizza, ora nella vicina Slovenia.

Per maggiori informazioni clicca qui 
Ulteriori informazioni riguardo Palazzo Lantieri e Palazzo Strassoldo

SACRARIO MILITARE E MUSEO DELLA GRANDE GUERRA – FOGLIANO REDIPUGLIA

Il Sacrario Militare di Redipuglia, inaugurato nel 1938, rappresenta il più grande Sacrario italiano dedicato ai soldati della Grande Guerra, contenente i resti di 100.187 caduti. La parte più impressionante del Sacrario consiste nell’imponente scalinata centrale formata da 22 gradoni. Alla sua base si trova la tomba del comandante della Terza Armata, Emanuele Filiberto Duca d'Aosta. 

Redipuglia ospita anche un Museo all’interno dell’ex Casa della III Armata ai piedi del Colle Sant’Elia. Nato nel 1971, offre una panoramica sugli avvenimenti di questo tratto di fronte ed una collezione di armi che lo rende tra i più completi in Italia. E’ composto da un atrio d’ingresso in cui è stata allestita una pianta topografica del fronte del Medio e Basso Isonzo e da 4 sale.

Per maggiori informazioni clicca qui e qui

OSSARIO DI OSLAVIA – GORIZIA

L’Ossario di Oslavia è stato costruito nel 1938 in corrispondenza della Quota 153 del Monte Calvario su progetto dell'architetto romano Ghino Venturi. Per raccogliere le spoglie dei soldati caduti nelle diverse battaglie della Grande Guerra combattute nella zona di Gorizia e Tolmino (oggi in Slovenia).

L’Ossario è formato da quattro torri, una per ogni vertice della figura più una centrale. Ognuna di queste custodisce al suo interno i loculi dei caduti identificati, disposti lungo le pareti, per un totale di circa 20 mila nomi, tra cui 138 austro-ungarici. Gli altri 37 mila corpi senza nome sono invece tumulati in tre grandi ossari posti al centro delle tre torri laterali.

Tutte le torri inoltre sono collegate tra loro tramite dei tunnel sotterranei e possiedono delle cripte. La più importante è quella centrale, dove si trovano le tombe di tredici uomini decorati con la Medaglia d'Oro al Valore Militare. All’esterno, vicino al vertice sinistro dell'Ossario, è stata collocata una campana denominata “Chiara” che suona ogni giorno al tramonto in onore dei caduti. 

Per maggiori informazioni clicca qui e qui

CAMMINATA NOTTURNA SUL MONTE SABOTINO

Gli studenti parteciperanno ad una camminata notturna sul Monte Sabotino, teatro della Sesta Battaglia dell’Isonzo (6 agosto 1916). L’attività sarà realizzata in collaborazione con associazioni del territorio, impegnate nella promozione di attività culturali, alpinistiche, escursionistiche e naturalistiche.

LABORATORIO A TEMA SULLA PRODUZIONE DI PRODOTTI LOCALI

I ragazzi saranno coinvolti in un laboratorio a tema dedicato alla produzione di prodotti del territorio (e.g. marmellata, vino). Grazie alla collaborazione di associazioni giovanili del territorio, gli studenti potranno visitare aziende agricole locali e avere un’esperienza diretta su come si producono i prodotti tipici locali.

PIAZZA TRANSALPINA E MUSEO DEL CONFINE

A seguito dell’ingresso della Slovenia nell’Unione Europea nel 2004, Piazza Transalpina conosciuta anche come Piazza Europa, è diventata il luogo simbolo della città, il “confine che non c’è più” e ora condivisa tra Gorizia e Nova Gorica (Slovenia). I quartieri periferici e la stazione ferroviaria che si affaccia sulla piazza, assegnati alla Jugoslavia al termine della Seconda guerra mondiale, furono così divisi dal resto di Gorizia, che rimase all'Italia.

Sul suolo jugoslavo sorse la città di Nova Gorica ovvero la nuova Gorizia, costruita a ridosso del confine per mostrare i successi del modello socialista su cui rinasceva la Jugoslavia dopo il conflitto.  All’interno della vecchia stazione ferroviaria della Transalpina, inaugurata nel 1906 sorge ora il Museo del Confine dove sono in mostra numerosi oggetti, divise, documenti e fotografie in ricordo del confine.

Per maggiori informazioni clicca qui

MUSEO ALL’ APERTO DEL COMPRENSORIO DIFENSIVO DELLA DOLINA DEL XV BERSAGLIERI

Contesa sin dalla Prima Battaglia dell’Isonzo, questa zona passò in mano italiana nell’ottobre del 1915 (III Battaglia dell’Isonzo) divenendo sede di un centro di prima medicazione e comando. Punto centrale del Museo è la Dolina del XV Bersaglieri, una valle carsica che si sviluppa fra la Quota 89 (quella del Sacrario di Redipuglia) e Quota 118 (il Monte Sei Busi).

Grazie alle operazioni di ripristino effettuate con il progetto “Sentieri di Pace”, oggi è possibile scendere al suo interno e percorrere i suggestivi camminamenti utilizzati dai soldati durante la guerra, oltre a vedere da vicino diverse opere trincerate, i ruderi dell’ospedale militare, i resti di alcune baracche per i soldati, e la fossa comune.

Per maggiori informazioni clicca qui

ATTIVITÀ LUDICHE SERALI

Gli studenti saranno coinvolti in attività serali, quali, ad esempio, dj-set e laboratori sonori di improvvisazione musicale, grazie alla collaborazione con il Centro di Aggregazione Giovanile di Gorizia (i.e. Punto Giovani), impegnato nella promozione della cultura giovanile, tramite l’organizzazione di molteplici attività, in collaborazione con associazioni e istituzioni del territorio.

MUSEO DELLA GRANDE GUERRA – GORIZIA

Il Museo della Grande Guerra di Gorizia si sviluppa nei sotterranei delle cinquecentesche case Dornberg e Tasso in Borgo Castello. Oltre alla ricchezza del materiale raccolto nelle dieci sale a disposizione, questo museo permette anche di provare l'esperienza della trincea con una sua ricostruzione a grandezza naturale accompagnata dai rumori assordanti della guerra.

Le stanze danno la possibilità di scoprire oggetti comuni, armi, documentazioni fotografiche uniformi dei soldati italiani ed austro-ungarici ritrovati in città e nelle zone circostanti, cimeli vari, oltre a diversi plastici che aiutano a capire lo scenario dell'immane conflitto che sul fronte italo austriaco ebbe Gorizia e l’Isonzo quale epicentro. Una sala inoltre è dedicata al generale Armando Diaz.

Vi sono esposti documenti, medaglie ed altri oggetti che fanno parte, insieme con l’archivio, del Fondo Diaz di proprietà dei Musei Provinciali di Gorizia. L’allestimento si sviluppa fino alla saletta didattica.

Per maggiori informazioni clicca qui e qui

GIORNO 1 – Gorizia, città di confine

ITINERARIO

Piazze, musei, palazzi storici: il primo giorno è dedicato alla scoperta dei luoghi di confine nella città di Gorizia e delle attrazioni più significative che caratterizzano il centro cittadino.

MATTINA

  • Arrivo del gruppo sistemazione in hotel e pranzo libero.

POMERIGGIO

Visita guidata della città di Gorizia:

  • Visita della Piazza Transalpina e del Museo del Confine (dettagli).
  • Visita al centro cittadino: da Borgo Castello (dettagli) a Piazza Sant’Antonio (dettagli) – Palazzo Lantieri, Palazzo Strassoldo – fino ad arrivare a Piazza Vittoria (dettagli).

SERA

  • Cena in hotel.
  • Attività ludiche serali al Punto Giovani di Gorizia (dettagli).

ITINERARIO

  • Giorno 1 – Itinerario Blu